newsletter
 
 
Cerca   
>> Extra      >> Contatti      >> English      

 IL LIBRAIO


 L'AUTORE
Justin  Scott
Clicca qui >>


Longanesi



 EXTRA



 
 LA SCHEDA LIBRO
 
   
I COLPEVOLI
Ferdinand Von Schirach
Traduzione di Irene Abigail Piccinini
Narrativa
Collana: La Gaja scienza
Pagine: 182
Prezzo: € 14.90
In libreria dal: 2 Maggio 2013
Libro  disponibile
    
 
 
 IL LIBRO
 
    Qual è la giusta pena per chi elimina accidentalmente un serial killer? E l’imputazione corretta per una moglie che uccide un marito spietato e violento? Dove sono i limiti del diritto alla difesa se la linea del silenzio può lasciare impuniti gli autori di uno stupro di gruppo?
Sono questi alcuni degli interrogativi intorno ai quali ruotano i nuovi racconti di Ferdinand von Schirach, avvocato penalista che da anni si trova al centro di clamorosi casi giudiziari o di strabilianti vicende custodite finora dal segreto professionale. Forte di una scrittura asciutta e laconica, ma non per questo priva di una forte empatia verso molti dei protagonisti delle sue storie, Von Schirach ci conduce in un labirinto di violenze e inganni dove la verità mostra sempre più di una faccia, se non un volto dai tratti ambigui e sfuggenti. Crimini efferati che per un bizzarro gioco della sorte trovano compensazione al di fuori dei tribunali e del dibattito pubblico. Innocenti perseguitati da una giustizia assurda, che solo al termine del proprio cammino riesce a emendare errori dagli effetti devastanti. E talvolta, no - nostante i molti sforzi compiuti, l’inevitabile resa di fronte all’imperfezione dell’esperimento umano che sfugge alle briglie della razionalità.
 
 I GIUDIZI
 
    "Von Schirach è capace di afferrare il lettore dalle prime righe fino all'ultima pagina. La forza della sua narrazione è irresistibile."
Corrado Augias
"Ferdinad von Schirach ha l'economia di stile e l'implosione emotiva di un classico."
Antonio D'Orrico
"Uno scrittore finissimo."
Irene Bignardi
 
 UN BRANO
 
    "Si accorse dei poliziotti solo quando sfondarono la porta. Furono rapidissimì e non avrebbe avuto senso opporre resistenza. Lo scaraventarono a terra, lui sbatté contro la sedia e si ruppe due costole. Poi gli urlarono di dire dov’erano gli arabi. Ma siccome sbraitavano in quel modo, il vecchio non disse una parola. Per quel motivo e perché le costole gli facevano male. Anche in seguito davanti al giudice per le indagini preliminari avrebbe taciuto, era stato in prigione abbastanza spesso da sapere che era ancora troppo presto per parlare, tanto per il momento non l’avrebbero rilasciato."
 
 L'AUTORE
 
    Ferdinand Von Schirach