newsletter
 
 
Cerca   
>> Extra      >> Contatti      >> English      

 IL LIBRAIO


 L'AUTORE
Justin  Scott
Clicca qui >>


Longanesi



 EXTRA



 
 LA SCHEDA LIBRO
 
   
UN COLPO DI VENTO
Ferdinand Von Schirach
Traduzione di Irene Abigail Piccinini
Narrativa
Collana: La Gaja scienza
Pagine: 240
Prezzo: € 18.00
In libreria dal: 6 Maggio 2010
Libro  disponibile
    
 
 
 IL LIBRO
 
    Cosa spinge uno stimato e irreprensibile medico di paese ad ammazzare la moglie a colpi d’ascia dopo quarant’anni di matrimonio? E come si può consumare un delitto tanto efferato in un’atmosfera di calma apparente? Muove da qui il racconto di Ferdinand von Schirach, da situazioni di normalità in cui un colpo di vento può scatenare una follia criminale. Dalla sua posizione privilegiata di avvocato penalista, l’autore osserva quotidianamente gli orrori e le violenze della vita di tutti i giorni. Spacciatori, prostitute, skinhead, ma anche famiglie aristocratiche, ricchi uomini d’affari e insospettabili guardiani di museo diventano così i protagonisti di vicende semplicemente inspiegabili dalla ragione.
Entrando in punta di piedi nelle vicende che racconta, l’avvocato von Schirach riesce a mostrarcele sotto una nuova luce, invitandoci a rivedere i pregiudizi sui criminali e sulle cause delle loro azioni, e a riflettere sul labile confine fra il bene e il male.
 
 I GIUDIZI
 
    "Von Schirach racconta i meccanismi del delitto meglio di qualunque romanzo."
Corrado Augias
"Ritratti reali di individui che la cronaca descrive solo attraverso sbrigativi stereotipi... Davvero un bel libro."
Pupi Avati
"Per una volta, dalla parte di chi uccide. Per una volta, è tutto vero."
Donato Carrisi
 
 UN BRANO
 
    "Fahner pregò Ingrid di scendere nello scantinato e lui si incamminò giù per la scala esterna. Ingrid entrò sbuffando nel locale dove lui teneva gli attrezzi da giardinaggio. Erano tutti appesi ordinatamente al muro in base alla funzione e alle dimensioni, oppure erano appoggiati, puliti, in cassette di lamiera o di plastica. Erano attrezzi belli, che aveva messo insieme nel corso degli anni. Ingrid andava di rado laggiù. Quando aprì la porta, Fahner prese senza dire una parola l’ascia dal muro. Era di fabbricazione svedese, forgiata a mano, lubrificata e senza ruggine. Ingrid ammutolì. Lui indossava ancora i ruvidi guanti da giardinaggio. Ingrid fissò l’ascia. Non si scansò. Già il primo colpo, che le spacco la volta cranica, fu mortale. L’ascia proseguì la sua corsa tra pezzi d’osso scheggiato fino al cervello, la lama le tagliò in due il viso. Ancora prima di cadere a terra, era morta. Fahner faticò a estrarre l’ascia dal cranio, dovette puntarle un piede sul collo. Con due colpi violenti le staccò la testa dal tronco. Il medico legale registrò in seguito altri diciassette colpi che furono necessari a Fahner per staccarle braccia e gambe."
 
 L'AUTORE
 
    Ferdinand Von Schirach