newsletter
 
 
Cerca   
>> Extra      >> Contatti      >> English      

 IL LIBRAIO


 L'AUTORE
Justin  Scott
Clicca qui >>


Longanesi



 EXTRA



 
 LA SCHEDA LIBRO
 
   
I BOTTONI DI NAPOLEONE
Come 17 molecole hanno cambiato la storia
Penny Le Couteur - Jay Burreson
Traduzione di Libero Sosio
Saggistica
Collana: La lente di Galileo
Pagine: 416
Prezzo: € 18.60
In libreria dal: 14 Settembre 2006
Libro  disponibile
    
 
 
 IL LIBRO
 
    Che cosa ha dato e dà alla chimica la straordinaria facoltà di far nascere le civiltà e far cadere gli imperi? Il fatto che strutture chimiche, semplici e complesse, possano determinare con differenze minime l’intera varietà delle sostanze naturali. Quelle che hanno inciso sul corso della storia sono state moltissime: il pepe e le altre spezie (determinanti nelle scoperte geografiche e nella conservazione dei cibi fino all’avvento della refrigerazione), la seta (originaria della Cina, che diede un contributo allo sviluppo delle basi finanziarie del Rinascimento italiano), lo zucchero (che come il cotone alimentò la tratta degli schiavi e l’espansione economica che condusse alla Rivoluzione industriale), lo sviluppo delle armi da fuoco (che trasformò le tecniche della guerra), la gomma (che rivoluzionò il trasporto su strada) hanno esercitato la loro incredibile azione sul divenire della storia grazie a proprietà legate a piccoli gruppi di atomi presenti nelle loro molecole.
E i bottoni di Napoleone (o meglio, dei suoi soldati) che c’entrano in tutto ciò? Perché l’esercito dell’imperatore fallì nella campagna di Russia del 1812? Secondo una teoria, perché i bottoni di stagno delle uniformi francesi si disintegrarono al gelo dell’inverno russo, impedendo agli uomini di combattere.
 
 I GIUDIZI
 
    "Un libro che sa intrecciare brillantemente chimica e cultura. L'ho trovato appassionante, e piacevolissimo da leggere."
Oliver Sacks
 
 UN BRANO
 
    "Abbiamo deciso di scrivere questo libro per raccontare la storia di connessioni affascinanti fra strutture chimiche ed episodi storici, per scoprire come eventi apparentemente privi di alcun nesso fra loro siano dipesi da strutture chimiche simili, e per capire in quale misura lo sviluppo della società sia dipeso dalla chimica di certi composti. L'idea che eventi importanti possano dipendere da qualcosa di così piccolo come una molecola ci offre un approccio nuovo alla comprensione della crescita della civiltà umana. Questo non è, quindi, un libro sulla storia della chimica, bensì piuttosto sulla chimica nella storia."
 
 GLI AUTORI
 
    Penny Le Couteur
Jay Burreson